Bonus Sociale Gas

Il Bonus sociale è una riduzione, applicata nella bolletta per la fornitura di gas naturale, introdotta dal decreto legge 185/08, convertito con la Legge 2/2009, riservata alle famiglie a basso reddito e numerose. Il bonus vale esclusivamente per il gas metano distribuito a rete (e non per il gas in bombola o per il GPL), per i consumi nell'abitazione di residenza.
Possono richiedere il bonus sociale tutti i clienti domestici, intestatari di una fornitura di gas naturale nel luogo di residenza con misuratore di classe non superiore a G6 e che abbiano un ISEE inferiore o uguale 8.107,5 euro. Per i nuclei familiari con almeno 4 figli a carico la soglia ISEE è innalzata a 20.000 euro.
La compensazione è riconosciuta anche ai clienti domestici che utilizzano impianti condominiali alimentati a gas naturale. In tal caso, se non si ha un contratto diretto con un venditore di gas, il bonus potrà essere ritirato presso gli sportelli delle Poste Italiane (erogazione tramite bonifico domiciliato).
La compensazione è valida dodici mesi rinnovabili con apposita richiesta.
L'ammontare del Bonus, che varia per Comune, zona termica, tipologia di utilizzo del gas e componenti familiari, è determinato ogni anno dall'Autorità per consentire un risparmio del 25% circa sulla spesa media annua presunta per la fornitura di gas naturale (al netto delle imposte).
Il bonus gas, inoltre, è cumulabile con il bonus elettrico, la riduzione sulle bollette dell'energia elettrica già introdotta in precedenza a sostegno delle famiglie in particolari condizioni di disagio economico e/o fisico.
Per fare domanda occorre compilare gli appositi moduli e consegnarli al proprio Comune di residenza o presso altro istituto eventualmente designato dallo stesso Comune (ad esempio i Centri di Assistenza Fiscale CAF). I moduli sono reperibili sia presso i Comuni, sia sui siti internet dell'Autorità per l'energia sia sul sito dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani.
Per ulteriori informazioni è possibile consultare anche il sito del Ministero dello Sviluppo Economico o chiamare il numero verde 800.166.654.
Informazioni pubblicate ai sensi dell'articolo 18, comma 1, della delibera ARG/gas 88/09 dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas smi